lunedì 19 novembre 2012

Finalmente le moeche!!!

No no, non spaventatevi non sono tarantole della Cambogia!!! Finalmente ho trovato le tanto cercate moeche, granchietti dal guscio molle che si trovano solo in alcuni periodi dell'anno! Io sono trentina ma da molti anni vivo a Verona, è qui che ho iniziato a sentire i racconti appassionati delle persone che avevano assaggiato questo piatto per così dire... gourmet (non sono proprio economicissime, anzi...). Devo ammettere che cucinarle è stata tra le cose più dure e barbare che mi siano mai capitate in cucina, mi ha fatto sentire come una sorta di Crudelia De Mon... ma la ricetta mi è stata da un lagunare doc e quindi non si scappa! ...Poveri granchietti, vanno cucinati vivi.. .poveri e buoni granchietti, buoni granchietti, favolosi granchietti. ;)
Da assaggiare almeno una volta nella vita! 




Ingredienti per 2 persone:
  • moeche (a vostra discrezione la quantità)
  • 1 uovo
  • sale
  • farina 
  • olio per friggere
Cuciniamo insieme:
Mettete i granchi ancora vivi in una terrina in cui avrete precedentemente sbattuto un uovo con il sale. Immergete le vostre moeche e lasciate che si "ingozzino" di questo composto per un paio di ore.
L'esecuzione è molto semplice: trascorso il tempo necessario infarinate i granchietti e friggeteli in olio bollente! Vi assicuro che il gusto e la consistenza sono davvero unici... grazie all'uovo di cui si son cibati i granchi! 
Di solito vanno servite con una polenta morbida... ma il contorno è a vostro gusto!

...spero con questa ricetta di non aver preso un granchio!


lalexa


18 commenti:

  1. che ricetta strana :)
    poveri granchietti, con l'ultimo pasto a base di uovo :) prima d passare all'olio bollente!
    Anna :)

    RispondiElimina
  2. Devono essere buonissimi, ma io non avrei il coraggio di cucinarli. Ed è per quello che non ho mai cucinato nemmeno l'aragosta.
    Quindi assaggio uno da te!

    RispondiElimina
  3. In effetti è stata una scelta coraggiosa, sia cucinarle che postarla.... non sai la fatica che ho fatto. Ma doveeevo assaggiarle. Non giudicatemi male ;))))

    RispondiElimina
  4. Cara mia hai cucinato uno dei piatti più gustosi del mondo...si, è vero sono veneziana e sono di parte ma sono quelle cose che , come dici tu, bisogna provare una volta nella vita.
    La ricetta è perfettamente eseguita, la stessa che utilizza anche mia mamma. Ti dico la verità io non l'ho mai fatta da sola (a casa dei miei)...perché come te ho difficoltà a cucinare i granchietti vivi..stesso problema con le canoce (canocchie)..forse sono l'unica al mondo che al pescivendolo le chiede già morte... ;-) Brava e coraggiosa!! Baci, Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma graziee Robi!! Sapevo che potevo trovare in te una valida alleata ;)
      Diciamo che questo piatto è dedicato anche un po' a te.

      Qua la chela!! ;)

      Elimina
  5. Ciao :) complimenti per il bellissimo blog ;) ...mi spiace un po per i granchietti, io non li ho mai mangiati e penso che non ci riuscirò mnìai :( Però rispetto i gusti di tutti :) Ciaooo e a presto

    RispondiElimina
  6. anch'io quando sono stata costretta a cucinare l'astice ho provato un grande senso di colpa, pensa che io non uccido neanche gli insetti! devo dire che il tuo piatto mi fa venire un gran voglia di mangiare pesce, purtoppo dove abito io(in Germania) per comprare un po' di pesce fresco devo fare km! ti mando un bacio e ti auguro una buona serata!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Lale... mio fratello che sta in Brasile mi ha sempre parlato di questi granchi perchè pare che ci sia una zona (suppongo io lagunare) dove ce ne siano tantissimi in un certo periodo dell'anno... I poveri granchi, mi dispiace per lor, ma ormai erano stati pescati, cosa volevi fare? Ributtarli a mare? Sarebbero morti comunque! Un bascio!

    RispondiElimina
  9. ciao carino il tuo blog puoi ricambiare iscrivendoti al nostro http://aleanna-cakes.blogspot.it/...grazie

    RispondiElimina
  10. oh, un'altra trentina fuori regione! :))
    mai sentiti questi moeche! da provare!!

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao amica!!! Che spettacolo! Me li devi fare!!! :)

      Elimina
    2. ahah basta dirlo!!!! ;)
      Intanto li ho sperimentati la prossima volta saranno vostri!

      ti voglio bene!

      Elimina
    3. Sapevo che te avresti apprezzato.....perché sei la fiola del buelàr!!

      Elimina
  12. sto guardando solo la seconda ricetta del tuo blog e già trovo qualcosa di estremamente interessante. Ora vado avanti e se non muoio di GOLA mi unisco ai tuoi follower :-P

    RispondiElimina
  13. ciao!!! innanzitutto complimenti per la vittoria del contest sui cestini!!!! sono geniali e hai meritato il primo posto!!!!!! volevo lasciarti il commento in quel post ma poi sbirciandonelle tue ricette mi sono catapultata QUI!!! le moeche non le potevo lasciar perdere!!!!! Io sono un'appassionata sfegatata del pesce e dei crostacei in particolare e sono di Venezia, basta? moeche forever almeno quando ci sono e comprandole a numero, con quello che costano ahh!! ritornando ai cestino, ottima mousse, io la preparo ma non ho mai messo la patata che però col salmone sta dadio, la prox volta l'aggiungo anch'io, e infine complimenti per l'arancia candita, insomma sapori che regalano equilibrio e gusto.
    Mi unisco senza remore ai tuoi sostenitori e ti seguo volentieri, spero di ritrovarti da me, sarai la benvenuta.
    ciao a presto!!!!!

    RispondiElimina
  14. Gnammo!!! Ho mangiato le moeche la prima volta l'anno scorso, sono o non sono buonissime? :P
    Io sono di Padova, siamo vicine :)
    Valentina

    RispondiElimina