venerdì 8 febbraio 2013

Tonkatsu. La cotoletta giapponese e contaminazioni

Konnichiwa gente!
Oggi sono giapponese.
Oggi cucino giapponese. Più o meno. Con contaminazioni trentine. Provate a spiegarglielo voi a questi giapponesi tradizionalisti che ho voluto usare delle splendide braciole di maiale affumicate, carne in pieno stile oktoberfest che con mio grande piacere si sono adattate perfettamente al piatto. D'altra parte, in Germania le mangiano con i crauti. Nel Sol Levante con il cavolo... alla fine gira che ti rigira tutto il mondo è paese.
Ieri ho finito un libro di narrativa nipponica. Il passato di Shoko di Miyuki Miyabe. Mi è piaciuto molto. E volevo condividere con voi uno stralcio. Il finale. Sono bastardissima ;) Quindi se lo state leggendo fermatevi qua e passate alla ricetta, se invece vi interessa o non vi fa nè caldo nè freddo... provate ad entrare anche voi tra queste righe. Spero vi lascino qualcosa. 

"Com'era piccola. Delicata.
Tamotsu si stava avvicinando al loro tavolo. Kozue non lo guardava. Gli orecchini e le spalle di Kyoko si muovevano, pieni di vita.
Come davanti a qualcosa di troppo grande, che non si riesce a vedere completamente, Honma provò un senso di stupore mai provato prima.
Non è importante cosa ti chiederò. Raccontami la tua storia.
Le parti che non hai mai confidato a nessuno.
Dimmi del fardello enorme che hai dovuto portare.
Raccontami del giorno in cui sei fuggita, dei periodi in cui ti sei dovuta nascondere.
Dimmi i tuoi segreti.
Abbiamo così tanto tempo...
Kyoko.
Tamotsu appoggò la mano sulla sua spalla."



Ingredienti per due persone:

Per il tonkatsu:
  • 2 braciole di maiale affumicate
  • 1 uovo
  • farina
  • panko
  • olio di soia per friggere

Per la salsa tonkatsu:
  • 4 cucchiai di ketchup
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaio di salsa worchester
  • 2 cucchiai di sakè
  • 1 cucchiaio di senape
  • 1 cucchiaio di salsa di soia

Per l'accompagnamento:
  • cavolo cappuccio
  • gomasio (se volete qui trovate la mia ricetta)
  • olio evo


Cuciniamo insieme:
Prendete le braciole affumicate (ovviamente vanno bene anche le braciole classiche, questa è solo la mia variante) e con il batticarne appiattitele leggermente. Passatale nelle farina, poi nell'uovo sbattuto e infine nel panko, da preferire sicuramente al classico pangrattato perché rende il fritto più leggero, arioso e croccante... e basta entrare in qualsiasi alimentari etnico per trovarlo. Ponetele ora per un quarto d'ora in freezer. In seguito friggete in olio di soia fino a doratura. Asciugate su carta assorbente e impiattate tagliando il tonkatsu a striscie come nella foto (loro lo fanno perché usano le bacchette). 

A parte preparate la salsa mettendo in un pentolino tutti gli ingredienti sopracitati e cuocendo a fuoco lento per dieci minuti.

Se vi va servite la cotoletta accompagnandola con del cavolo cappuccio tagliato sottile che io ho condito con gomasio e olio evo.

Un piatto molto divertente. Un'ottima alternativa alla classica cotoletta alla milanese.

lalexa

È venerdì. Rock'n'roll!!



Con questa ricetta partecipo al contest "Presentazione" di "Perle ai Porchy"




"Con questa ricetta partecipo al contest di L'Ennesimo Blog di Cucina, CRE-AZIONI IN CUCINA, di febbraio"












64 commenti:

  1. Konnichiwa Lale bella!! Che ricetta fantastica!! Una contaminazione davvero ben riuscita.. sono certa che anche i giapponesi approverebbero!! :D Bravissima tesoro.. e sai che quel libro deve essere grazioso? :) Mi hai incuriosita.. ha uno stile di scrittura delicato, fa molto 'petalo di ciliegio' :D Un abbraccio! TVB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely!splendida amica mia!oggi leggendo il tuo post sono stata così impressionata che ho scordato di dirti che i tuoi cestini erano davvero poesia..sei splendida .altrochè.ti voglio bene sai?:)bacio grande

      Elimina
  2. I Giapponesi mangiano le cotolette? allora siamo più simili di quanto pensassi! Questa ricetta è molto interessante. Invece la tua cattiveria rasenta il sadismo...non avrei mai pensato di svelare il finale di un libro così spudoratamente, però è davvero un bello scherzetto....Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty sono stata un pò macchietta e maliziosa ma no cattiva dai!:)un abbraccio e buona w.e. a presto!

      Elimina
  3. Tesoro per fortuna che mi hai avvertita prima... se avessi letto il finale TI AVREI AMMAZZATO!!!!! Anche perchè mi era bastato il titolo per decidere id leggerlo! Ok prima lo leggo, poi torno a parlarne!
    Il tonkatsu non ho mai provato a farlo a casa (in realtà mi sono fossilizzata a fare e rifare la salsa teriyaki e ad usarla per cuocere di tutto O_o) ora ovviamente urge che lo prepari. Però devo andare a vedere se trovo il panko al mio solito negozio o se devo fare un vero e proprio pellegrinaggio dall'altro lato della città dove c'è un negozio di giapponesi per giapponesi!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah.comunque il libro merita e il finale non pregiudica la lettura!Dany provala questa cotoletta,è davvero gustosa sai?e il panko vedrai che lo trovi .fammi sapere è?bacione

      Elimina
  4. Il finale del libro mi piace! Mi sa che lo leggerò :D
    Buonissima la braciola! Voglio provare il panko ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale!ciao,il libro è bello forte.se lo leggi dimmi come lo hai trovato!bacione e buon fine:)

      Elimina
  5. Ciao carissima, bella questa ricetta, interessante il passaggio in freezer prima di friggere!!!
    Bravissima, un piatto gustosissimo!!!!
    Bacioni, buona serata :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely,il freezer gli da quella croccantezza e quel fritto un pò più leggero in stile tempura!un bacione ,a presto

      Elimina
  6. Sono stata a cena da una mia amica giapponese, che poi purtroppo si è trasfrerita in Francia e ho divorato tutto, penso che farei lo stesso con queste cotolette. :)
    Rosalba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Rosalba!non sono giapponese ma se vieni da me te lo cucino questo tonkatsu!;)bacione

      Elimina
  7. Quanto adoro il giapponese. In tutti i modi! Bellissimo il finale di questo libro, mi intriga,anche se non ho mai letto niente di nipponico! devo ricredermi e provare...e provare anche il panko! Sei una fonte di ispirazione lale!! Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche tu Monica sei fonte di ispirazione sai?è bello che ci si contamina a vicenda anche nel nostro piccolo!a presto .bacione:)

      Elimina
  8. Ma che bella cotoletta..ma scusa Lalexa cosa è il panko ...non lo conosco...dove si trova?Sei davvero geniale una ne inventi e mille ne cucini.....il nome del blog è veramente più che azzeccato...poichè una delle mie due figlie vivrebbe a cotolette questa è davvero una buona idea!Ciao cara un grande abbraccio Lia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Lia..il panko è una specie di pangrattato giapponese,più fragrante e arioso,lo trovi un pò ovunque nei negozi etnici e al naturaSi! e puoi usare qualsiasi carne alla fine,,io spesso uso la lonza a fette !è un piatto goloso...!se lo provi mi dirai!bacione e grazie di cuore per tutto!

      Elimina
  9. La prima volta che ho letto sul menù del ristorante giapponese questo piatto mi sono messa a ridere... Sembra una parolaccia... In realtà sorrido sempre quando la leggo. Ti è venuta proprio bene e il finale del libro e' molto delicato e profondo....a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale!vero sembra un pò stoca..o!sembra una parolaccia davvero.;)però è buono no?e allora vai esstitonkazzi!;)bacione a presto:)

      Elimina
  10. Una ricetta veramente originale e bella la fine del libro, lo compro e mi leggo l' inizio.Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!Vero!sorry...non potevo non condividerlo!ti mando un bacione:)

      Elimina
  11. mi piace la contaminazione trentina della cucina giapponese davvero quel che si dice fusion :-)
    bacione e buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah!Patty è un pò cacofonica la cucina giappo-bavarese è?ma stasera ci stava;)bacione grande

      Elimina
  12. Ahahahahah!!
    Cosa mi hai ricordatooo!!
    La prima volta avevo sentito di questa ricetta in TV,
    Non ti dico cosa ho digitato su google per cercarla!
    Ahahahhahahahah!!
    Che te lo dico a fare quanto mi piace?
    Da vera porchy!
    Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha Silvia devo ammettere che ti ho un pò pensata mentre me la sparavo nel gozzo;)bacione grande a presto!

      Elimina
  13. No vabbè ma tu sei un geniooo Lale miaaaa <3 Ti ammiro davvero tanto per la creatività e le tue capacità! Sei grande! :) Non conoscevo questo piatto e mi ha colpito molto :) Complimenti e un abbraccio forte forte <3 Buon weekend! :* P.s.: I love gomasio <3 :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Vale..ma quanto mi sei mancata ..ho avuto un pò da fare sti giorni e son stata un pò assente..e non vedevo l' ora di ricevere la tua visita..ahahh,sembra una dichiarazione d' amore ad un innamorato!ti voglio bene Vale.un bacione e buon fine settimana

      Elimina
  14. Vedi che il genio è in te? Vista la voglia che ho di leggere il libro potrebbe essere un'idea...ma la ricetta è perfetta per il marito filonipponico che mi ritrovo! Notte cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccavolo allora con questo tonkatsu lo stendi Cri!;)sappimi dire se la provi come ti è sembrata!bacione

      Elimina
  15. Uuuh, che finale bellissimo! Anche io voglio un finale così.. magari per questo mese o per il 2013 <3 sarebbe già tanto:')
    Mi piace la salsa.. questo mix deve generare una cosa interessante.. mi hai fatto venire voglia di cibo giappo! La cosa che più mi intriga è la salsa, questo mix è proprio interessante!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la salsina è ottima!davvero perfetta per il tempura anche!un bacio grande grande,buona domenica!

      Elimina
  16. una buona alternativa alla normale cotoletta milanese! ricetta curiosa..bravissima.a presto cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ele!bacione a prestissimo!;)

      Elimina
  17. Mai provato a cucinare nulla di giapponese...questa ricetta sembra davvero buona! Complimenti per l'originalità!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè non partire da qui ;)facile,veloce e golosa!un bacione e grazie di essere passata!

      Elimina
  18. Beh, che i giapponesi mangiano le braciole di maiale lo sto apprendendo qui..ma guarda te!
    La presentazione è davvero ottima, sei davvero geniale Lale!!
    Ti abbraccio...e adesso vado a letto perché sono devastata dal sonno!!! Baci, Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roby!ciao,hai visto sti Jappo?e poi fanno i salutisti ma la cotolettazza se la fan anche loro;)bacio grande e buona domenica!

      Elimina
  19. questa poi della bracciola di maiale in stile giapponese è una novità per me.
    anche mio marito si sta appasionando di lettura giapponese
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero?che bello un uomo che legge la letteratura nipponica!bacione Sabi bella!:)

      Elimina
  20. Mai provata la braciola impanata!! M'ispira...è ti dirò che mi ispira anche il libro...anche se ormai ho già letto la fine..hehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma leggilo...dal finale non si capisce nulla...;)è davvero un gran bel libro!un bacione Chiara e ti auguro una super domenica!

      Elimina
  21. A parte che ho letto tonkatsu e ho pensato subito di riciclarlo come una bella parolaccia.TONKATSU!Suona bene vero?
    A me questa contaminazione piace da impazzire,solo che mi devi spiegare dove trovo il panko!
    Lo spoiler del libro,sei..........FICHISSIMA.Faccia tosta e genialità!me gusta questo connubio!
    Ti auguro un bellissimo fine settimana!
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Monica tonkatsu fa un pò ..stokatsu..no?anche a me rievoca volgarità e parolacce.il panko lo trovi in tutti i negozi etnici e credo anche al naturasi!...tu sei geniale..già te lo dissi a suo tempo....(voglio essere felice da fare schifo...)rimembri?un bacione .grande.

      Elimina
  22. Mi convinco sempre di più che la tua è una cucina fantasiosa e originale. E questo non vuol dire che non sia buona, tutt'altro! Riesci a propinarci cibi dal nome irripetibili e farci venire la voglia di provarli. Per quanto riguarda il gomasio... oramai so tutto e finalmente ho trovato anche il sale integrale al super. Un abbraccio cara e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)Elly.amore!grande lo hai fatto sto gomasio?un abbraccio grande grande super donna!

      Elimina
  23. Ale... che meraviglia!!! Senti ma perchè, visto che è fusion e c'è del verde, non partecipi al contest di Cinzia (Essenza in cucina)?? E' bellissima, in bocca al lupo per quest'altro contest! Un bascio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm.ma lo sai che non ci avevo ancora pensato?grande Patty ,sei sempre così attenta e presente.un piacere grande per me!bacione

      Elimina
  24. cos'è questa delizia? Uao *_* ma lo sai che io sono appassionatissima del mondo giapponese? uno dei miei libri preferiti è memorie di una geisha, e poi mi piace la cucina, il "sabor" (vabbè, lo so che è spagnolo ma non c'è una parola che rende ugualmente in italiano!) giapponese.. mi piacissima questa ricetta! l'altra mia cucina preferita è quella mitteleuropea.. quindi :)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. el sabor nippo-bavarese de sta cotoieta è davvero gustoso!:)grazie Sara,gentilissima..un bacio e buone domenica!

      Elimina
  25. Buona la cotoletta giapponese!!! Ho fame, posso averne una fettina? Anche io mi sono data senza volerlo alla letteratura nipponica! Niente male sti giapponesi, eh? Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Polpetta vieni vieni!:)per te anche un maialino impanato intero:)sti japan ne sanno a pacchi si!:)bacione grande

      Elimina
  26. Adoro il panko, lo uso spesso per friggere perché non c'è altro pangrattato che risulti ugualmente croccante!!! La salsina dev'essere proprio buona, mi segno subito la ricetta.
    Bacioni e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il panko è adorabile e versatilissimo è vero!grazie Ale per essere passata .ti auguro un buon fine e a presto!

      Elimina
  27. eh va beh, sei un genio lo dico sempre e mi ripeterò anche questa volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ...senti chi parla Elena....ma che te lo dico a fare?ti bacio:)

      Elimina
  28. Ciao Lale, magari lo compro quel libro, il finale è bellissimo e pieno di significati. Non importa se l'ho letto, non significa che ho capito come finisce il libro e poi ti dirò una cosa, a volte leggo come finisce il libro che ho nelle mani perché non avendo più la smania di sapere come va a finire, me lo gusto molto di più. Questa interpretazione nippo-trentina, mi piace molto, complimenti. Buona domanica, bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla è un libro bellissimo sai?ti stringo forte forte!un bacione e buona domenica!

      Elimina
  29. Ale scusa, volevo scriverti ieri ma non ci sono riuscita...hai visto nel mio post che sei invitata anche tu al giochino delle domande vero? Se ce la fai mi farebbe molto piacere, altrimenti no problem! Buona domenica! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara cara!grazie sai ?nel prossimo post mi impegno ad onorare la tua "intervista".bacione grande:)

      Elimina
  30. Io approvo in pieno questa contaminazione!
    Mi sembra un'idea simpatica e in cucina è sempre bene essere flessibili e di vedute aperte :o)
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande!viva le vedute e le verdure aperte:)bacione

      Elimina
  31. Ciao cara... ho una sorpresa per te! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nus!ahahah son passata,non sai la felicità!grazie di cuore e ti auguro un buon fine settimana!ti abbraccio:)

      Elimina