domenica 10 febbraio 2013

Rufioi. Antiche frittelle per salutare il carnevale!

Ultimi botti di carnevale, una festa che sinceramente non amo particolarmente, forse perchè non ho ancora dei pargoli miei su cui sfogare la mia creatività o forse perché il ricordo più limpido che ho dei miei carnevali da piccina mi è dato da una foto a cui mia mamma tiene tantissimo... una drammatica fatina con il berretto di lana sotto al cappellino da fatina, io nella foto piango come una fontana, a bocca spalancata, rossa livida, con le lentiggini fine perché non esiste una fatina con il berretto di lana per il freddo sotto il cappello. E che diamine!! ahahah!
Quest'anno oltre alle fortaie ho deciso di preparare i rufioi. Questi dolci di carnevale si preparano solo in una piccola zona del Veneto, li ho assaggiati una sera in un ristorante e me ne sono letteralmente innamorata.
Una signora autoctona di Costeggiola, a Soave in provincia di Verona, terra di buon vino, mi ha raccontato che questi dolci che poi sono diventati il simbolo Carnevalesco della zona, non sono nati come dolce, la loro storia risale all'ottocento, quando la popolazione locale contadina al limite della povertà e della fame si era ingegnata con i prodotti del campo creando questi rufioi che in origine quindi erano salati e prodotti con ingredienti di scarto della carne e cotti nel brodo. Nei periodi più floridi questi tortelli si  trasformarono in un vero e proprio dolce e si iniziarono ad usare ingredienti più ricchi e raffinati come la frutta secca, gli amaretti e la frutta candita. La loro foggia divenne così a mezzaluna con la forma del sole nascente!
I rufioi oggi vengono preparati nel mese di gennaio in occasione della sagra del paese di Costeggiola grazie alle donne del paese che onorano e portano avanti questa tradizione ciascuna ovviamente mettendoci il proprio tocco come l'aggiunta di formaggio grana  nell' impasto!


Ingredienti per la pasta:
  • 2 uova 
  • 500 gr di farina
  • sale
  • 2 cucchiai di zucchero
  • il succo di un arancia
  • olio per friggere
  • zucchero a velo

Ingredienti per il ripieno:
  • 150 gr di amaretti sbriciolati
  • 150 gr di pane grattugiato 
  • 100 gr pinoli tritati grossolanamente
  • 100 gr di mandorle tritate grossolanamente
  • uvetta
  • un pezzo di cedro candito tagliato a piccoli pezzi
  • 1 uovo
  • 100 gr di zucchero
  • rum o liquore tipo anice
  • 20 gr di cacao amaro in polvere
  • 20 gr di formaggio grana grattugiato


Cuciniamo insieme:
In una terrina create una pastella aggiungendo dell'acqua calda al pane grattugiato (in origine e ancora oggi c'è chi usa il brodo di carne), aggiungete tutti gli ingredienti per il ripieno, mescolate bene e mettete in frigorifero per una notte.

Preparate la pasta mescolando la farina, le uova, lo zucchero, un pizzico di sale, il succo di arancia e stendetela sottile, create dei dischi e riempiteli con una noce di ripieno, chiudete sigillando bene i lembi dei dischi.
Friggete i rufioi in abbondante olio fino a doratura e asciugateli su carta assorbente. Spolverateli con lo zucchero a velo.
Questi dolci sono perfetti sia caldi che freddi!

lalexa











57 commenti:

  1. Mai sentiti, ma devono essere gran buoni! Come tutte le cose che provengono dalla tradizione del resto ;) Buona domenica :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io con questi è la seconda volta che li mangio e devo ammettere che danno soddisfazione;)ciao Vale bella!

      Elimina
  2. senti senti che bella ricettina ci mette oggi lale!!!! apprezzatissima da tutta la mia magione! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena !ciao!un bacione grande e buona serata:)

      Elimina
  3. buoni!!! mi piacciono tutti ma proprio tutti gli ingredienti!! Bravissima e geniale come al solito! bacioni marina

    RispondiElimina
  4. Ciao Lale, devono essere davvero squisiti, il ripieno mi piace un sacco!!!! Bravissima!!!
    Bacioni, a presto :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely!a presto e grazie di essere passata!

      Elimina
  5. Wow!!! Devono essere buonissimi con quel ripieno!!!! Un bacione e buona serata!:)

    RispondiElimina
  6. Non li conosco....sembrano molto buoni... Io ho tre pargole, ma comunque il carnevale non lo sento molto! PS Anche io litigavo con mia mamma perchè volevo gli accessori e basta e non i passamontagna, sciarponi e scarpe pesanti!!! Un bascio!
    PPS: la mia foto tragica del carnevale è una damina, che si copre una parte del volto con una piuma del cappello perchè c'era il faccione gonfio non so se da un dente o da qualche altro ascesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha gli accessori che cozzano con gli indumenti pesanti!..Patty voglio vedere la foto di te damina!che ridere.bacione :)

      Elimina
  7. Uuuuh i ricordi del carnevale...io li ho rimossi,mi vestivano in ogni modo possibile... assurdo! Lale, mi piacciono un sacco questi dolcetti e voglio provare a farli per la famiglia del mio ragazzo,sono veneti vediamo se li conoscono!! :) Un bacione bella e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Moni!provali poi sappimi dire,si fanno nella zona di Soave ma forse li conoscono...altrimenti li stupirai con effetti speciali!:)bacione grande

      Elimina
  8. Che tenera Lalexa da piccola che piange.....dai vedrai che quando avrai i pargoli sarai costretta a festeggiare...pure io non impazzisco per questa festa quando le mie ragazze erano piccole ( stavo per dire le mie bambine..oops) le portavo alle sfilate dei carri ecc....poi ti toccherà vedrai.....e poi con i dolcetti che prepari sarà sicuramente una bella festa....questi ripieni sono davvero una golosità...ciao un bacio e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa anche a me!spero di averne un giorno di pargoli.che gioia.bacione grande Lia!

      Elimina
  9. Ciao Laleee :D <3 Ma lo sai che anche io non amo particolarmente il Carnevale?! Non so se, come te, è per il fatto che non ho ancora figli... ma devo dire che nemmeno da piccola mi entusiasmava... mi dà l'idea di un divertimento forzato e come tutte le cose forzate, boh, non mi attira eheheheh ;) Piccolaaaa col cappello di lana sotto il cappello da fatinaaaa <3 amoreee <3 Questi rufioi devono essere squisiti, non li conoscevo... qui imparo sempre tanto! Particolare l'uso di grana nel ripieno, devo assolutamente provare... fritti poi... mmmm :D Bravissima, un bacio grande e buona serata! Ti voglio bene :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco la mia Vale!le cose forzate mi fanno innervosire non poco anche a me! pensa che neppure io non conoscevo sti rufioi fino all' anno scorso,li ho assaggiati quest' anno e me ne sono innamorata!sono particolari !bacione piccola grande donna!ti voglio bene anche io:)

      Elimina
  10. Hai ragione la fatina non indossa il cappello di lana, ma da mamma la comprendo. Golosissimi i tuoi rufoi, non li conoscevo affatto e ne assaggerei volentieri uno. Buona serata :) Rosalba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah.ma per me cozzava sto berrettone..mi sentivo brutta così:)bacione Rosi!

      Elimina
  11. Che buoni che devono essere!!
    Da provare anche salati allora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono molto particolari Silvia ammetto!a me soo piaciuti moltissimo!bacione grande e buona serata !:)

      Elimina
  12. Ti avevo scritto un commento belliffimo e lunghiffimo ma si è perso nell'etere temo.. Buuuuuuh.. Dicevo.. A me il carnevale piaceva tanto alle elementari! Le feste a scuola erano un bel diversivo! Ma sai cosa? Secondo me è anche il freddo che ci mette del suo.. Non viene voglia di andare per strada vestiti come deficienti se sai che, oltretutto, ti dovrai imbacuccare come un deficiente per non soffrire il freddo:)
    altra cosa sono i dolci. Questi sono proprio belli, mi piace il ripieno con canditi uvetta, pangrattato.. Tutti ingredienti caserecci, o quasi.. che buoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma cacchio che brutto quando scrivi e poi il pc fa storie!come ti capisco.comunque la tua teoria carnevale-temperatura è sensatissima!un grande bacione e buona serata!

      Elimina
  13. Il ripieno che hai usato é pieno di profumi, che buono!
    bravissima per averci descritto questa antica ricetta!
    Buona serata

    RispondiElimina
  14. mi hai fatto sentire in colpa! anch'io ho sempre obbligato il mio piccolo ad infagottarsi sotto al vestito di carnevale :-( a pensarci bene metterò velocemente da parte il senso di colpa e sabato lo costringerò comunque ad imbacuccarsi sotto al costume h!i hi! hi! (che perfida mamma)
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!ma lo farei anch' io..è che all' epoca mi chiedevo come potesse una mamma essere così insensibile!:):)bacione

      Elimina
  15. non li ho mai assaggiati, devono essere buonissimi ! Buona settimana...

    RispondiElimina
  16. Accidenti, che ripieno corposo! saranno sicuramente profumatissimi...il carnevale non piace neanche a me, nonostante tre piccole pesti urlanti e felici al veglioncino di oggi pomeriggio!!
    A presto, Ellen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha!..me le vedo ..ma sopratutto tu impegnata a stare dietro alle piccole canaglie;)ma sarei sicuramente perfetta e "sul pezzo"! bacione Ellen!

      Elimina
  17. A me invece il carnevale piace...cioè mi piacerebbe se vivessi a Rio: è che noi italiani, sebbene abbiamo la fama di popolo tutto fueco siamo in realtà di un moscio incredibile...invece mi piacerebbe che ci fosse almeno una festa in cui veder colori, danze, musica...originalità...certo il carnevale dei bambi.gormiti e delle bambine-pricipesse non piace neanche a me...ma i tuoi riufoi sono una figata! Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh carnevale stile Rio!sarebbe fighissimo si!lo adorerei..ma è vero..qui è un pò moscia la cosa! ti auguro una buona giornata..qui nevica che Dio la manda!bacione a presto

      Elimina
  18. anche io non amo molto il carnevale, anche se negli ultimi anni lo sto un po' riscoprendo...travestirsi ti fa' sentire ancora un po' bambina...hihihi.comunque buoni buoni questi dolcini! non li conoscevo....baci baci

    RispondiElimina
  19. Perciò, Lale...ora te lo dico...non ne posso più di vedere roba fritta in giro!!! Non vedo l'ora che finisca questo Carnevale, ho sofferto ad ogni bombolone visto, ad ogni chiacchiera e castagnola, e all'ultimo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.....i tuoi rufioi!
    E io sono a dieta:(((((( !! Ha vinto lei, non ho fritto niente quest'anno.
    Devono essere deliziosi e poi dici che va anche il grana nel ripieno? Interessante.
    Brava, brava! Un abbraccio cara e ti auguro una bellissima settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cazzarola Any!ma sei un eroina!tieni botta dai!ma per quanto tempo ne hai ancora?sti rufioi son stati anche per me una sorpresa,li avevo assaggiati ma mai fatti!..un giorno magari li proverai!bacio grandissimo!sei forte Any!:)

      Elimina
  20. Qui in New Zealand non lo festeggiano sai? Adesso è il momento del Capodanno Cinese e invece delle chiacchere ti ritrovi a ogni angolo i ravioli alla griglia(mazza che boni..)
    Però le tue frittelle io le mangerei eccome,anzi,mi segno la ricetta per quando torno in Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande Ale!ma pensa te..che mega esperienza stai vivendo lì è?brava veramente.ti mando un bacione

      Elimina
  21. T immagino vestita da fatina... ;-)
    Che ricettina golosa oggi e poi quel video di pippicalzelunghe..mi hai rallegrato il lunedì!! Un bacio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ero ridicola in quella foto,cicciottina e goffa! ma pippi è la numero uno!;)bacio Chiara

      Elimina
  22. Buonissimi questi dolci tipici! Assolutamente da provare! Grazie per aver condiviso questo piccolo tesoro (penso che ricette tradizionali siano le più preziose!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero sai!lo scambio delle ricette di piccole realtà è una cosa che adoro!un bacione grande e grazie bella!:)

      Elimina
  23. Ciao carissima, sai che a Piacenza (mia terra di origine) ne facciamo una versione simile, ma con la mostarda invece della frutta candita? Questi li voglio provare!
    In un commento da me hai parlato di una torta dei 13 cucchiai....mi daresti la ricetta? Baci baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai?e come si chiamano a Piacenza?che curiosa sono!la ricetta è questa spero ti piaccia.

      http://pappageniale.blogspot.it/2012/11/la-mitica-storica-intramontabile-torta.html

      è una torta che faceva la mia trisnonna e la facciam ancora oggi e la adoro nella sua semplicità!bacione

      Elimina
    2. Non ridere per il dialetto... si chiamano TURTLITT! Grazie cara, corro a vedere la ricetta e.... se mi viene bene te la dedico e ti cito sul mio bloggino. Bacio, grazie!

      Elimina
  24. Vedessi quando hai dei bimbi come diventi scema per sta festa. Ho vestito la mia piccola da zucchetta!!

    Partecipi al mio concorsino? http://inmouveritas.blogspot.it/2013/02/primo-contest-wishes-for-pandi.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ingegno Miss e approderò da te per il tuo contest!ahaha ma da zucchetta!?che forte sei!geniale:)bacione

      Elimina
  25. ma che storia bella di questi rufioi non li conoscevo!!!!tesoro grazie per aver partecipato ma mi manderesti il link cosi' ti inserisco? sono una gran delizia!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  26. queste antiche frittelle sono da urlo: BUONEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  27. Nemmeno io impazzisco per il carnevale, infatti me ne accorgo quasi sempre per la gran quantità di dolci che sbucano nei blog! Questi rufioi mi stanno proprio simpatici, e pure il nome ti riempie la bocca in modo succulento ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Margot!ti abbraccio e a presto!

      Elimina
  28. Che delizia queste frittelle, non le conoscevo, le proverò! Ciao

    RispondiElimina