martedì 4 dicembre 2012

I mitici Tirtlen

Era da un bel po' di tempo che non facevo più i tirtlen...un piatto tipico dell'Alto Adige! Questi "tortelli" sono un perfetto antipasto e per farli si usa la farina di segale, il ripieno è caratterizzato dalla verza ma si possono usare anche i crauti o le patate: oggi vi propongo quelli che solitamente faccio io... o meglio che solitamente da generazioni facciamo nella mia famiglia: con la verza e lo speck! È un piatto dal sapore davvero rustico e piacevole e forse non proprio dietetico visto che vanno fritti, ma ...basta non esagerare nelle quantità... anche se vi assicuro che sarà molto difficile resistere quando li avrete sotto gli occhi!




Ingredienti per 4 persone:

Per l'impasto:
  • 200 gr di farina di segale
  • 100 gr farina 00
  • 15 gr di burro fuso
  • 3 cucchiai di latte 
  • 1 uovo
  • acqua tiepida
  • sale 

Per la farcitura:
  • mezza verza
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di aceto
  • olio evo 
  • 1 fetta di speck di circa mezzo cm di spessore 
  • 100 gr di ricotta 
  • brodo vegetale
  • 3 bacche di ginepro
  • cumino
  • sale
  • olio per friggere (io per questi uso quello di oliva)

Cuciniamo insieme:
Procedete con  l'impastare insieme le farine, il latte, l'uovo, il sale e il burro fuso; lavorate fino a formare un composto morbido ed elastico aggiungendo quando occorre dell'acqua tiepida. Avvolgete la palla in pellicola e ponete in frigo per una un'ora circa.

Ora lavate e tagliate a listarelle la verza, sbollentatela per 20 minuti in acqua, a parte mettete sul fuoco una padella con un filo di olio e lo spicchio d'aglio intero che poi leverete, aggiungete lo speck tagliato a dadini, la la verza sbollentata e quando sfrigola sfumate con l'aceto. Aggiugete sale, cumino e le bacche di ginepro sminuzzate e infine il brodo e fate cuocere con coperchio per circa un'ora (finché non risulteranno morbide). A fine cottura fate intiepidire e mettete il composto in una terrina aggiungendo la ricotta e mescolate per bene.

Ora tirate l'impasto in sfoglie sottili e crate i vostri tirtlen ritagliando dei quadrati (o dei cerchi), mettete al centro del quadrato di pasta un cucchiaino del vostro composto e ricoprite con un'altro quadrato avendo cura di chiudere bene i bordi... come per i classici ravioli!
Infine friggete in abbondante olio per qualche minuto fino a leggera doratura poi scolateli su della carta assorbente e serviteli ben caldi!


Un piatto che vi riscalderà...vi sembrerà di essere in una baita di montagna con la neve fuori e un buon boccale di birra per voi! 

Prost kameraden!

lalexa




Con questa ricetta partecipo al contest "Fritto all'Italiana" di Mariella Cooking






34 commenti:

  1. Mi piacciono tantissimo! quando vado a sciare in Trentino, ne facciamo sempre incetta....
    Un abbraccio
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici!!! Quando torno nelle mie terre montane li mangio sempre volentieri e qui a Verona sono sconosciuti e mi devo arrangiare ;))

      Elimina
  2. La mia speranza, lanciando questo contest, era proprio quella di riuscire ad ampliare la mia conoscenza dei fritti della tradizione. Grazie per il tuo contributo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo Mariella! Questo contest per me è davvero fico!!! E il tuo blog è di un'eleganza smisurata!!!
      A presto

      Elimina
  3. Piacere Lalexa!
    Ti ho conosciuta tramite "E il basilico"... Se vuoi venirmi a trovare sono qui http://lagastronomade.blogspot.it/.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già fatto!!! Piacere di averti incontrata!
      A presto.

      Elimina
  4. Ma che meraviglia!!
    Non ne avevo mai sentito parlare!
    Mi piacciono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provali se ti va!anche con gli spinaci si possono fare e come dicevo a che piace anche con i crauti! bacione!

      Elimina
  5. mamma che buoniiiii...non li conoscevo ma mi sembrano assolutamente da provare! grazie per la ricetta!
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono una super goloseria da chiudo-gli-occhi-sulle-calorie- ma vuoi mettere il gusto...una volta ogni tanto!bacio

      Elimina
  6. non ho mai provato questo tipo di fritto....deve essere golosissimo!

    RispondiElimina
  7. Ti dico solo che sto applaudendo!! Grandiosa!! Troppo belli ti sono venuti! Chissà che profumino e che sapore.... Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la Ely!!!sono dei tortelli spacconi e ciccioni...ma simpatici!ti abbraccio cara!

      Elimina
  8. ciao, piacere di averti conosciuta
    per una sudtirolerin come me non posso altro che farti i complimenti per questi tirtlen e per il blog (anche io all'inizio avevo come sfondo la tovaglia a quadretti bisnchi e rossi)
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao!piacere mio,il tuo blog è stupendo,i miei comoplimenti!prost ;) a presto

      Elimina
  9. Ciao, devono essere meravigliosi!!!

    RispondiElimina
  10. Mamma mia sono stupendi!! Poi se mi dici fritto mi scapicollo ;)

    RispondiElimina
  11. Ciao cara, ma lo sai che questi meravigliosi tirtlen non li conoscevo? Con quel ripieno poi e quella crosta di pasta croccante non resisto! Mi aggiungo volentieri ai tuoi lettori, a presto Angela:)

    RispondiElimina
  12. Non li ho mai assaggiati, ma ora m'è venuta voglia di fare un giro in Alto Adige per provarli!!!

    RispondiElimina
  13. Mai mangiati e, ad essere sincera, non li conoscevo!! Devono essere favolosi...un abbraccio

    RispondiElimina
  14. ma che bontà!!!! sono proprio invitanti!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao e complimenti, mi piace il tuo blog e ti seguo volentieri!!
    Ho mangiato i tirtlen in Alto Adige, mi piacciono molto, i tuoi
    sono molto invitanti!! brava!!
    A presto :))

    RispondiElimina
  16. Mmmmm che fame mi hai fatto venire!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;) e allora via...avanzino i tirtlen!!!!

      Elimina
  17. Ciao Lalexa, fami capire allora è una sorta di pasta fritta il cui impasto può essere fatto cone le patate al posto della farina...mmm, mi sa che ci provo! Primo perchè mi intriga la ricetta ,secondo perchè cos imio marito, celiaco, ne può approfittare. Grazie e spero di poter andare un giorno in alto adige.
    a presto
    fulvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è proprio una sorta di pasta di segale fritta... per le patate intendevo che si possono usare nel ripieno...non per fare il "raviolo"... mi dispiace.

      Elimina
  18. Davvero super invitsnti e per anche assai originali.

    buona giornata e grazie della visita

    RispondiElimina
  19. Non potrei resistere dal mangiarmeli tutti!!! queste cosine un po' finger food mi fanno impazzire...cominci e non finisci piu' :)

    RispondiElimina
  20. Grazie per essere passata da me a lasciare un commento!! Mi sono unita ai tuoi followers! :)
    (quindi ora mi devi mandare 300 tortlen come da contratto! :D )

    RispondiElimina
  21. Ma sono fritti!! ma che buoni!!!! vista la foto nel roll pensavo a dei classici ravioli di pasta, questi sono uno tira l'altro!!!! ideali con queste temperature per staresene in casa accompagnati da un buon bicchiere di vino.
    Ciaoooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si sono fritti!!una super golosità ammetto!il vino è il coronamento perfetto!bacio

      Elimina
  22. Sono davvero buoni ho mangiato i tirtlen come quelli che ci hai descritto e quelli con ripieno agli spinaci e ricotta ..sono tutti buonissimi io non li ho mai cucinati ma li ho mangiati nelle sagre estive a Natz sopra Brixen e a Brunico... comunque sono una golosità ....sto curiosando nel tuo blog e trovo ricette davvero favolose ciaooooooo Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mitica Lia!sei davvero gentilissima!un bacio grandissimo !a presto

      Elimina